top of page
< Back
Workshop – Human Factors and Group Dynamics in Emergency Medicine

Marco Bonsano

+447928915742

La rianimazione di un paziente critico richiede il tempestivo coordinamento di risorse cognitive, organizzative e logistiche. Spesso, le richieste di risorse necessarie per una gestione ottimale possono rapidamente superare ciò che un singolo individuo può essere in grado di gestire.

 

L’implementazione di approcci standardizzati mirati ad ottimizzare la gestione delle risorse in momenti di crisi rappresenta un primo livello di intervento. Tuttavia, queste strategie non sono sempre efficaci nel fornire agli operatori gli strumenti necessari riconoscere e correggere i fattori ambientali e circostanziali che complicano l’applicazione di competenze teoriche e pratiche.

Il successo di complesse manovre rianimatore è in funzione dell'interazione tra individui, team, il loro ambiente e il sistema in cui essi operano. La gestione della complessità deve mirare ad un miglioramento delle prestazioni a ogni livello e soprattutto nei punti in cui questi fattori si intersecano.

 

Nell'ambito del XII Refresher Course, un evento formativo internazionale sponsorizzato dalla Società Europea di Medicina d’Emergenza (EUSEM), abbiamo progettato ed erogato un laboratorio di 2 ore per specializzandi di medicina d’Emergenza incentrato sul comprendere il ruolo che i fattori umani hanno nel determinare outcome dei pazienti critici. Lo scopo dell’evento formativo era quello di sviluppare strategie specifiche che potessero essere utilizzate a ogni livello - personale, team, ambiente e sistema - per migliorare la preparazione e l'efficacia degli interventi erogati.

 

Vorremmo presentare il nostro lavoro al prossimo CEU 2023 per condividere la nostra esperienza educativa e la strategia di insegnamento utilizzata per divulgare questi importanti elementi formativi nella medicina d'urgenza.

 

Il workshop ha visto la partecipazione di 5 tirocinanti ed è stato ripetuto 9 volte durante l'intero corso (affiancato ad altri workshop focalizzati su altri temi specifici nella gestione il paziente critico in Medicina d’Emergenza), rivolgendosi a un totale di 45 partecipanti con un rapporto docenti:discenti costante di 2:5.

 

L’agenda del workshop ha incluso la valutazione critica di uno scenario registrato di rianimazione da trauma eseguito a diversi livelli di competenza dal team operativo. La discussione è stata facilitata dall'utilizzo di una griglia di valutazione dedicata.

Successivamente, i tirocinanti hanno svolto due simulazioni immersive della durata di 10 minuti seguite da una lunga sessione di debriefing per consolidare il loro apprendimento. I casi clinici presentati riguardavano: un paziente politraumatizzato in grave shock ipovolemico e la relativa somministrazione di un protocollo di trasfusione massiva, e un paziente con trauma cranico non cooperante che richiedeva una sedazione procedurale e misure neuroprotezione per prevenire lesioni cerebrali secondarie.

 

Il workshop ha ricevuto un feedback incredibilmente positivo dai partecipanti ed è stato considerato estremamente rilevante per la loro crescita professionale.

Workshop – Human Factors and Group Dynamics in Emergency Medicine

Orale

G. Mormando, Medico Specialista in Medicina d'Emergenza - Ospedale Universitario di Padova (Padova - Italia)

Formazione

bottom of page