top of page
< Back
Un caso di fibrillazione ventricolare refrattaria alla de fibrillazione

Andrea Matteri

3382439858

Contesto

La Fibrillazione Ventricolare (FV) insieme alla tachicardia ventricolare (TV) senza polso sono tra i ritmi d’arresto cardiaco quelli coronati da un più ampio tasso di sopravvivenza a condizione che vengano rapidamente riconosciuti e defibrillati. Tuttavia alcuni di questi pazienti non rispondono alla defibrillazione e alla terapia farmacologica prevista dalle linee guida internazionali. Per cercare di offrire un’ulteriore possibilità di sopravvivenza a questi pazienti da quattro anni a questa parte nel nostro servizio di urgenza preospedaliera abbiamo introdotto un protocollo clinico operativo che prevede il riconoscimento precoce del paziente affetto da FV refrattaria, il trasporto sotto massaggio effettuato per mezzo di un massaggiatore cardiaco esterno meccanico, l’allarme delle risorse di cardiologia e cardiochirurgia per effettuare posa ECMO.

Caso Clinico

Il case report presentato tratta un quarantaseienne in arresto testimoniato con ritmo d’esordio di FV refrattaria alla defibrillazione (in totale è stato defibrillato 14 volte comprensivo delle scariche somministrate dai “rapid responders” e durante l’evacuazione e il trasporto in ospedale). Il paziente è stato identificato rapidamente come FV refrattaria e trasportato in ospedale sotto massaggio. Giunge in ospedale dopo 40 minuti di arresto continuo e converte in ROSC pochi minuti dopo il suo arrivo nella struttura ospedaliera poco prima di beneficiare di un trattamento con ECMO e sucessivamente di coronarografia. Il paziente è stato dimesso una settimana dopo l’arresto cardiaco senza sequele neurologiche con CPC di 1.

Conclusioni

La defibrillazione precoce rappresenta ad oggi la terapia di prima scelta in caso di FV ma in caso di inefficacia necessità di una strategia di gestione concordata con una struttura ospedaliera dotata di cardiologia e cardiochirurgia al fine di offrire un ulteriore terapia risolutiva. Per fare ciò è necessario avere un protocollo clinico operativo condiviso con i vari attori del processo di cura e soccorso.

 

Un caso di fibrillazione ventricolare refrattaria alla de fibrillazione

Poster

C. Rivetti, Medico d'urgenza, CVL Lugano.- F. Cattaneo Soccorritore infermiere diplomato , CVL Lugano, - M. Travaglini, Infermiere specialista, CVL Lugano, - C. Guanziroli, Soccoritrice diplomata CVL Lugano

Case Report

bottom of page