top of page
< Back
Studio Osservazionale retrospettivo RTC attraverso il P.I.C.O. Metodologia nella gestione accessi vascolari difficili attraverso l’utilizzo dell’ecografia nell'Emergenza Sanitaria Territoriale ed Elisoccorso. Uno studio sulla fattibilità. RTC retrospective observational study through the P.I.C.O. M

Federico Bacci

3333021512

I pazienti in alta criticità vitale necessitano in tempi brevi di esecuzioni di manovre salvavita di stabilizzazione e di infusioni di terapie. Tramite un accesso vascolare periferico la medica di urgenza è in grado di stabilizzare i pazienti evolutivi e diagnosticare stati di malattia acuta. Nella medicina di Urgenza la giusta strategia da adottare è un equilibrio tra velocità di valutazioni e una giusta metodica di intervento. Un ritardo che può rallentare la giusta metodica di intervento è la difficoltà nel reperire un accesso vascolare. Lo studio qui riportato dimostra come il personale sanitario Infermieristico tramite l’utilizzo di apparecchiature ecografiche riesce ad abbattere il tempo di reperimento di un accesso vascolare riducendo gli errori di manovra.
Per dimostrare l’efficacia e l’utilità dell’utilizzo dell’ecografia Infermieristica in emergenza urgenza territoriale è stato suddiviso lo studio in 3 step:

Materiale e Metodi

Primo Trial: Revisione della letteratura nazionale e internazionale attraverso siti di divulgazione scientifica (Pubmed, Cinahl, The Cochrane Library) e libri di studio.

Secondo Trial: Studio osservazionale retrospettivo delle carte di intervento (Emergenza Sanitaria Territoriale) dove è stato fallito il reperimento di accesso vascolare tramite metodica tradizionale. (442 schede di Intervento)

Terzo Trial: Somministrazione di questionario Scientifico con il Personale Infermieristico operante nel servizio di Emergenza Territoriale. Totale di 102 interviste, Lo studio delle schede di intervento ha portato Analisi di 442 schede dove sono state suddivise in 3 gruppi

· Gruppo 1 Paziente Alta Criticità 64 (1 Tentativo Fallito)

· Gruppo 2 Paziente Media Criticità (Evolutivo) 194 (1 Tentativo fallito)

· Gruppo 3 Paziente Media bassa criticità 184 (1 tentativo Fallito)

· Gruppo x: Utilizzo dell’ecografo per reperire accesso vascolare dopo il primo tentativo fallito 123

· Gruppo x 1 113 reperimenti di accessi vascolari idonei e 10 falliti al primo tentativo.Conclusioni:

l’Analisi analita dello studio evidenzia che nonostante il 78% del personale Infermieristico conosca l’ecografia come device utile per l’assistenza alla persona in determinati setting, ancora oggi è presente una resistenza culturale al suo utilizzo. Durante lo studio è emerso come il suo utilizzo può portare numerosi benefici in termini di risparmio di tempo e riduzione di alcune problematiche assistenziali, aumentandone il confort e la soddisfazione dell’utenza come evidenziato dallo studio. Nello studio va evidenziato che nonostante 342 accessi vascolari reputati difficili l’ecografia è stata utilizzata per 113 volte ,33% del totale. L’ ecografia Infermieristica possiamo affermare dallo studio è uno strumento utile alla pratica clinica che soddisfa i criteri di sicurezza e di efficacia. La formazione specifica come dimostrato per il 92% del personale è indispensabile per abbattere la paura nel suo utilizzo cancellando i dubbi procedurali. La formazione Infermieristica in ecografia come emerso deve avvenire su livelli differenti in base al setting lavorativo (Emergenza sanitaria o Area Intensiva Ospedaliera). Con addestramenti semestrali in aree dedicate alla formazione su manichini di alta fedeltà.

· P – Accesso vascolare difficile, fallimento di inserimento catetere venoso periferico al primo tentativo

· I – Utilizzo della sonda ecografica per inserimento catetere venoso periferico eco guidato.

· C - confronto ed analisi metodica tradizionale-eco guidata

· O – rapporto tentativi falliti-tentativi riuscirti senza complicanze,

Studio Osservazionale retrospettivo RTC attraverso il P.I.C.O. Metodologia nella gestione accessi vascolari difficili attraverso l’utilizzo dell’ecografia nell'Emergenza Sanitaria Territoriale ed Elisoccorso. Uno studio sulla fattibilità.  RTC retrospective observational study through the P.I.C.O. M

Poster

Bacci Federico Infermiere 118 Firenze Prato

Giulia Guerrini Infermiere SOD Nuovo Ospedale del Mugello

3333021512

Federico.bacci@uslcentro.toscana.it

Guerrinig90@gmail.com

Emergenza PreOspedaliera

bottom of page