top of page
< Back
LEAN-NOVAZIONE DEL PERCORSO DEL TRAUMA MINORE IN PRONTO SOCCORSO

Romina Mannia

3291424802

Contesto: Il Pronto Soccorso, si ritrova a dover fronteggiare una criticità sempre più accesa e oramai esacerbata, il fenomeno del sovraffollamento e dei lunghi tempi d’attesa. Un sistema in “sofferenza”, in cui la domanda appare illimitata, la risposta assistenziale fortemente condizionata da risorse sempre più contratte, con conseguente aumento della mortalità, insoddisfazione dell’utente, del personale ed aumento dei costi. Il lavoro di ricerca descrive l’uso strategico della metodologia del Lean Thinking applicato al Pronto Soccorso dell'Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale G. Brotzu di Cagliari, con l'obiettivo di ridurre i lunghi tempi di permanenza del paziente con trauma minore in Pronto Soccorso, ottimizzando il flusso dei pazienti attraverso una riprogettazione organizzativa delle singole fasi di processo ed eliminando le attività che non generano valore aggiunto. Applicando la metodologia innovativa Lean per il miglioramento continuo della qualità dei servizi, si vuole dimostrare che è possibile creare valore riducendo al minimo gli sprechi, ottimizzando i processi di gestione, le risorse e contenendo i costi.

Metodi: Utilizzando i principali strumenti della Lean, la Visual Map Stream, lo Spaghetti Chart e l’A3 Report è stato possibile effettuare una mappatura delle singole fasi del processo della situazione corrente e futura. Per la rappresentazione della situazione attuale ci si è basati sull’analisi oggettiva dei tempi storici di processamento degli accessi al Pronto Soccorso dei pazienti con trauma minore e su 35 rilevazioni manuali effettuate in Pronto Soccorso, durante il periodo gennaio a dicembre 2021, per un totale di 10424 record. Successivamente, a partire da marzo 2022, sono state implementate azioni di miglioramento secondo l’approccio del Lean Thinking. I dati raccolti dopo le azioni di miglioramento proposte, sono stati calcolati eliminando le fasi di processo non a valore e cronometrando i passi del personale Oss, ipotizzando in Pronto Soccorso la presenza della sala Gessi.

Risultati: I risultati acquisiti prima dell’applicazione della strategia del Lean Thinking hanno illustrato il processo con i suoi svantaggi ed attività non a valore aggiunto. Dopo l’applicazione del progetto Lean i risultati sono confortanti, osservando un aumento positivo della performance del Pronto Soccorso. Il Lead time medio di processo iniziale di 321 minuti si è ridotto notevolmente a 112minuti (-209 minuti), raggiungendo l’obiettivo prefissato. Con recupero di 11,8 km a turno percorsi dal personale Oss e riduzione del 70% delle attività non a valore.

Conclusione: Sebbene il progetto sia in fase di attuazione, l’approccio Lean Thinking in Pronto soccorso rappresenta una strategia efficace in termini di aumento dell'efficienza dei servizi e riduzione degli sprechi osservando un’importante riduzione del tempo di permanenza non solo dei pazienti traumatizzati ma di tutta l’utenza e una riduzione degli spostamenti inutili del personale sanitario.

LEAN-NOVAZIONE DEL PERCORSO DEL TRAUMA MINORE IN PRONTO SOCCORSO

Orale

Dott.ssa Bruna Dettori, Direttore SC Area Infermieristica e Ostetrica, Arnas G.Brotzu, Cagliari

Dott.ssa Anna Laura Alimonda, Dirigente Medico ,SC Pronto Soccorso e Obi, Arnas G.Brotzu , Cagliari.

Dott. Fabrizio Polo, Direttore Medico, SC Pronto Soccorso e Obi, Arnas G.Brotzu , Cagliari.

Pronto Soccorso

bottom of page