top of page
< Back
La potenzialità del NUE (NUMERO UNICO EMERGENZE) in un evento di Maxiemergenza.

Valentino Terreni

3316866933

La potenzialità del NUE (NUMERO UNICO EMERGENZE) in un evento di Maxiemergenza.

La Centrale Unica di Risposta (CUR) essendo il primo anello della catena del soccorso ha la possibilità di fare da fulcro in un evento straordinario come per esempio le maxiemergenze.

Oltre a individuare la giusta centrale di secondo livello (PSAP2) idonea alla richiesta da parte dell’utente può anche monitorizzare e pre-allertare tutti i PSAP2, come Emergenza Sanitaria (EMS), Corpo nazionale Vigili del Fuoco (VVF) e Forze dell’ordine (F.F.O) Carabinieri e Polizia di Stato nel caso di un evento di maxiemergenza.

All’arrivo di chiamate “sospette” maxiemergenze, l’operatore tecnico (O.T.) chiama il Referente di Turno (RT) che, a sua volta, decide come suddividere le chiamate, per il passaggio utente a più di un psap2. Tutto questo per anticipare la gestione dei soccorsi, passando direttamente l’utente in fonia oppure inviare una scheda in conoscenza. Dopodiché l’RT passa al riascolto delle fonie per sentire se ci sono altri elementi importanti che fanno sospettare l’eventuale evento di Maxiemergenze (più feriti coinvolti nell’evento, possibilità di evoluzione, incidente tra mezzi pesanti, agenti contaminanti oppure eventi anche come terremoti, alluvioni, crolli….)

RT NUE invia una notifica anche al gruppo Maxiemergenze aziendali Toscana Centro per “sospetto evento Maxiemergenza” con scritto l’indirizzo esatto con le coordinate, il tipo di evento Maxi (convenzionale oppure NBCRe) la classificazione dell’evento e un potenziale dimensionamento dei feriti (sempre se comunicato dall’utente al momento della richiesta di aiuto al 112) oltre alla notificazione degli enti PSAP2 allertati.

Come in tutte le chiamate che giungono al NUE abbiamo la possibilità di localizzare esattamente il punto della Maxiemergenza e ovviamente se si tratta di un utente straniero, la possibilità nell’utilizzo del traduttore multilingua sia per la conferma della localizzazione che per la giusta classificazione dell’evento. Ovviamente il traduttore verrà passato insieme all’utente per l’intervista da parte del PSAP2

In tutte le sospette Maxiemergenze, che poi sono state confermate tali, vediamo grazie ai grafici ed ai report, l’anticipazione di attivazione e di intervento dei mezzi di soccorso, proprio perché le chiamate giungendo tutte nella stessa centrale e grazie al personale altamente formato, vengono smistate nel modo migliore

La formazione effettuata:

Tutti gli O.T. (Operatori tecnici) hanno effettuato una formazione specifica mirata proprio alla possibilità di riconoscere un evento di Maxiemergenza con corsi aziendali in Fad e corsi specifici fatti da personale aziendale formato per questo tipo di eventi. I RT invece hanno una formazione aggiuntiva a quella degli O.T che gli permette di avere una conoscenza maggiore del mondo delle maxiemergenze.

La formazione continua:

E’ prevista una formazione continua durante l’anno per il riascolto degli eventi risultati veramente maxiemergenze per far capire al personale quali possono essere anche le parole “chiave” dette in fonia dall’utente che ci possono fare accendere il “campanello” di allarme per la presunta maxiemergenza.

La potenzialità del NUE (NUMERO UNICO EMERGENZE) in un evento di Maxiemergenza.

Poster

CUR112

bottom of page