top of page
< Back
FLUSSOMETRO PER CPAP: DALL’ESPERIENZA DI TERRA UNA SOLUZIONE PER GLI OSPEDALI DI NAVI/NATANTI ED AMBIENTI IMPERVI ED OSTILI

Alessandro Scutiero

3339192985

La nostra esperienza a bordo di grandi navi ha visto durante la recente pandemia COVID-19 numerosi casi gravi a bordo,con l'impossibilità di sbarcare le persone colpite a causa dei rifiuti imposti dalle autorità sanitarie.La gestione di queste emergenze respiratorie ha dovuto quindi essere condotta a bordo con le risorse disponibili.

La ventilazione a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) è diventata di routine ed è un trattamento di prima linea per molte patologie in quasi tutti gli ospedali e in molti sistemi di emergenza extra-ospedaliera.

L'idea è nata dalla necessità di ottimizzare la gestione delle risorse e dei pazienti che richiedono questo trattamento.

Un flusso di gas elevato è un prerequisito per il funzionamento della CPAP con PEEP costante.

Riducendo la FiO2, si perderebbe l'effetto Venturi, il che porterebbe inevitabilmente a una riduzione della PEEP.

Il nostro obiettivo è quello di ridurre il consumo di ossigeno e allo stesso tempo ottenere i valori di PEEP desiderati mantenendo flussi elevati. Il principio si basa su una doppia fonte di gas, aria/ossigeno in cui i gas escono dalle rispettive fonti, passano attraverso i flussometri e vengono miscelati.

Con questo sistema è possibile evitare che ogni cambio di flusso di O2 riduca la PEEP rendendo inefficace la CPAP.

Il sistema proposto è semplice da implementare e consente di ottimizzare la quantità di ossigeno disponibile e di utilizzare in modo appropriato la CPAP.

Considerando la forte evidenza scientifica e clinica sui benefici della CPAP in fase acuta, questa modalità di gestione può fare la differenza nell'esito di un paziente che necessita di supporto ventilatorio in attesa della centralizzazione.

Risulta evidente che tale applicazione trova ragion d'essere in tutti quegli scenari ove le risorse siano limitate (vedi scenari bellici) oppure ove sia difficile trasportare grosse quantità di ossigeno (vedi ambienti impervi e/o natanti di soccorso e/o soccorsi elitrasportati)

FLUSSOMETRO PER CPAP: DALL’ESPERIENZA DI TERRA UNA SOLUZIONE PER GLI OSPEDALI DI NAVI/NATANTI ED AMBIENTI IMPERVI ED OSTILI

Poster

F M Infermiere ICRC - Cuneo

G F Medico Costa Crociere - Messina

Ambienti Impervi

bottom of page