top of page
< Back
Composizione, formazione e gestione del Team di Elisoccorso. Modello organizzativo Pegaso 2

Jacopo Frizzi

3483149203

Background: Da molti anni vi è un acceso dibattito sia in ambiente sanitario che a livello politico su quale sia la migliore e più performante composizione del Team da inserire in un setting così specialistico e spesso poco conosciuto come il servizio di Elisoccorso 1,2.

Cercando in letteratura lumi sulla questione, troviamo solo pochissimi articoli, peraltro piuttosto datati, che riportano esperienze americane, nord europee oppure giapponesi: si specifica che nei sovra citati articoli vengono sia prese in considerazione figure professionali mancanti nella realtà italiana (ad es. i paramedici) sia descritte ambientazioni riconducibili al mero ed esclusivo contesto del Medevac militare3 .

Analisi: Nel panorama dell'elisoccorso italiano, la questione è quanto mai eterogenea e analizzando la composizione degli equipaggi di soccorso, da nord a sud dello Stivale, vediamo che ogni Base ha modulato la medesima in relazione alle necessità operative affrontate con maggiore frequenza ed anche in funzione della macchina a disposizione.

Nelle realtà in cui il servizio consta nella stragrande maggioranza dei casi di soccorsi “tecnici” in ambiente montano, l'equipaggio di soccorso prevede 1 o 2 T.E. (tecnico del Soccorso Alpino) e il solo medico, essendo in questi casi la necessità e/o la possibilità di manovre sanitarie avanzate molto ridotta 4. In altre realtà troviamo la situazione specularmente opposta, ovvero quando la necessità di assistenza sanitaria avanzata è massima e la parte tecnica è minimale, avremo 2 sanitari (medico e infermiere) e nessun T.E., in alcuni casi a bordo di macchine sprovviste di verricello.

Nel nostro contesto operativo, (Elibase Pegaso 2 Grosseto, Area Vasta Toscana sud-Est), in funzione dell'attività sia sanitaria avanzata che tecnica richiestaci dalle quotidiane circostanze, in turno h 24 sono presenti sia medico che infermiere, affiancati dal T.E. in orario diurno 7 giorni su 7. Il personale sanitario turna in orario di servizio e consta di un numero limitato di unità, al fine di poter svolgere il maggior numero possibile di missioni, mantenendo alta performance sia sanitaria che tecnico-aereonautica (la maggior parte del monte orario mensile viene infatti svolta in maniera dedicata sul servizio di Elisoccorso). I Medici, pur provenienti da formazioni specialistiche diverse, così come il personale Infermieristico in forza alla nostra U.O.S.D., sono tutti accomunati da lunga esperienza lavorativa espletata in Area Critica, in PS e 118 5,6.

Essendo questo un pool ristretto di sanitari vi è inoltre la possibilità di effettuare, in qualità di gruppo, costanti corsi formativi, di simulazione e di aggiornamento di tutta la U.O., con cadenza almeno mensile, trattando e discutendo casi clinici e criticità affrontati dai singoli operatori nel corso del mese precedente.

Conclusioni.

Il modello organizzativo in essere nella nostra realtà garantisce pertanto la constante possibilità di assistenza sanitaria con manovre avanzate che solo un equipaggio di 2 sanitari ben addestrati e che lavorano spesso in simbiosi può realizzare.

La possibilità di svolgere molteplici missioni operative con i medesimi T.E. da parte dei sanitari, permette inoltre una progressiva e sempre più approfondita conoscenza delle reciproche attività, con possibilità di un eventuale interscambio di assistenza.

Il Medico di Elisoccorso non deve necessariamente provenire da formazione anestesiologica, bensì deve avere acquisito esperienza in Medicina d'Emergenza Preospedaliera e svolgere un elevato numero di turni mensili al fine di mantenere un'elevata performance in questo specifico setting (ben diverso dalla sala operatoria)7.

Composizione, formazione e gestione del  Team di Elisoccorso. Modello organizzativo Pegaso 2

Poster

G. Sbrana. Dirigente Medico U.O.S.D. Elisoccorso Regionale Base di Grosseto. AUSL Toscana Sud Est

S. Barbadori. Direttore U.O.S.D. Elisoccorso Regionale Base di Grosseto. AUSL Toscana Sud Est

M. Mandò. Direttore Dipartimento Emergenza-Urgenza Area vasta Toscana Sud.Est

Team

bottom of page