top of page
< Back
Bears in Emergency Assessment for Relief and Safeness (BEARS) - PLACE RANDOMISED CONTROLLED TRIAL

Angela Gambioli

3489190802

Razionale: Nel contesto emergenziale vengono spesso praticate procedure invasive e/o dolorose che, pur essendo necessarie per tutelare la salute del paziente, possono risultare particolarmente stressanti e traumatiche per i soggetti coinvolti (pazienti, familiari, soccorritori, operatori sanitari). Questo si verifica in maniera evidente nel caso del soccorso al paziente pediatrico, in cui il discomfort psicologico causato dal contesto, può interferire con le manovre messe in atto dagli operatori, in particolare medico ed infermiere, generando distress e limitando la qualità dell’intervento. Alcuni autori hanno approfondito l’utilizzo di ausili non-farmacologici, come dei giocattoli o degli esercizi di respirazione, che hanno la funzione di distrarre il bambino e di distogliere la sua attenzione dalle procedure invasive. Nonostante i risultati positivi, in termini di utilità e nel facilitare la messa in atto delle procedure mediche, non vi è ancora un parere condiviso sull’oggetto che risulta maggiormente efficace e non vi sono delle indicazioni chiare sulla modalità di somministrazione.

Obiettivi: L’obiettivo principale del presente progetto è quello di verificare se un intervento non invasivo e non-farmacologico, come un orsetto di peluches, possa fungere da “distrattore” e contribuire a migliorare la collaborazione tra operatore e paziente pediatrico. Verrà anche indagata la percezione e la soddisfazione, da parte del personale di soccorso, riguardo al metodo utilizzato e verranno raccolti i loro eventuali suggerimenti a riguardo.

Metodi: Verranno coinvolti tutti i bambini di età compresa fra i 3 e i 6 anni che necessitano dell’intervento dei mezzi di soccorso avanzato (MSA1 e MSA2) in Lombardia. Lo studio coinvolge tutte le postazioni di emergenza territoriale dell’Agenzia Regionale di Emergenza Urgenza (AREU) che verranno randomizzate al fine di far lavorare, in maniera casuale, gli stessi operatori in situazioni differenti (poiché gli operatori lavorano su turni). Saranno così creati due gruppi, uno dei quali sarà dotato dell’orsetto di peluches (gruppo sperimentale); mentre l’altro non lo avrà in dotazione (gruppo di controllo). Gli operatori prima di prendere parte allo studio saranno istruiti, tramite un breve video, a consegnare il peluches in maniera, il più possibile, omogenea in modo tale da evitare distorsioni date dalla modalità di consegna. Le impressioni circa il livello di collaborazione del bambino e l’utilità dell’orsetto verranno rilevate in tre momenti differenti: all’inizio dell’intervento (T0), durante la messa in atto delle procedure mediche (T1) e alla fine (T2). Al termine delle operazioni di soccorso verranno raccolte le informazioni anagrafiche e fisiologiche del paziente, utilizzando la scheda informativa presente nei mezzi di soccorso. I parametri fisiologici, in particolare la frequenza cardiaca e il livello di dolore percepito, sono misure che riflettono implicitamente lo stato d’animo del bambino e verranno impiegate per verificare se si è verificato un cambiamento in seguito alla consegna dell’orsetto.

Bears in Emergency Assessment for Relief and Safeness (BEARS) - PLACE RANDOMISED CONTROLLED TRIAL

Orale

A. Cortiana, A. Fornari - Università degli Studi di Milano - Bicocca;

G. Marconi, M. Pirovano, A. Giomi - Areu Lombardia.

Ricerca

bottom of page