top of page
< Back
Applicazione della ketamine only intubation per la gestione delle vie aeree difficili in ambito preospedaliero e proposta di una variazione alla tecnica.

Eugenio Ferretti

+393289789118

La necessità di trovare un'alternativa alla Awake Intubation che permetta di gestire in emergenza vie aeree difficili ha fatto si che negli ultimi anni si sviluppasse un crescente interesse nella comunità scientifica della medicina d'emergenza-urgenza intorno alla cosiddetta Ketamine Only Intubation, tecnica che sfrutta a pieno le caratteristiche farmacologiche uniche della ketamina. Nonostante questo gli studi e le evidenze presenti ad oggi in letteratura sono pochissimi ed ancora controversi specialmente se si considera il setting preospedaliero che paradossalmente è proprio dove il medico d'Emergenza-Urgenza in Italia si trova più frequentemente a gestire vie aeree difficili.
Attraverso la presentazione di una case series vogliamo descrivere la nostra esperienza con la ketamine only intubation in ambito preospedaliero, proponendo allo stesso tempo una variazione della tecnica classicamente descritta con il proposito di ottimizzare le possibilità di successo della procedura e ridurne le possibili complicanze.
I casi sono stati raccolti nell'arco di 18 mesi presso il servizio di Automedica Charlie 01 presso la Postazione di Emergenza Territoriale 118 del Valdarno (USL Toscana Sud-Est) e sono stati gestiti da medici d'Emergenza-Urgenza o di Medici di Emergenza Territoriale con esperienza.
Utilizzando la Ketamine Only Intubation abbiamo gestito le vie aeree di una paziente affetta da severo edema della glottide e di una paziente obesa con alterazione dello stato di coscienza secondario ad ingestione volontaria di elevate dosi di Acido Valproico.
In una paziente obesa affetta da riacutizzazione di BPCO e severa alterazione dello stato di coscienza, in un paziente con ustioni di II-III grado su oltre il 70% della superficie corporea coinvolgenti le prime vie aeree e su un paziente con grave insufficienza respiratoria secondaria a polmonite da COVID19 abbiamo applicato una variante della Ketamine Only Intubation che prevede il posizionamento del Frova con tecnica Ketamine Only e la curarizzazione del paziente immediatamente prima di posizionare il tubo endotracheale.
Nella nostra esperienza la Ketamine Only Intubation è risultata essere una valida alternativa all'Awake Intubation per la gestione di pazienti con vie aeree potenzialmente difficili in situazioni nelle quali l'intubazione risulti indicata e opportuna sul territorio.
L'utilizzo della variante tecnica proposta, sebbene non rientri strettamente nella definizione di Ketamine Only Intubation, potrebbe rappresentare in casi selezionati una valida alternativa alla tecnica classica, in grado di garantire un'ulteriore ottimizzazione delle probabilità di intubazione determinando allo stesso tempo una minor stimolazione dei riflessi delle vie aeree.
Il basso numero di pazienti arruolati non permette conclusioni definitive e ulteriori e più approfonditi studi sono necessari per definire il ruolo della Ketamine Only Intubation come alternativa all'Awake Intubation in ambito preospedaliero e per definire l'eventuale superiorità della variazione della tecnica da noi proposta rispetto a quella precedentemente descritta.

Applicazione della ketamine only intubation per la gestione delle vie aeree difficili in ambito preospedaliero e proposta di una variazione alla tecnica.

Orale

Emergenza PreOspedaliera

bottom of page