top of page
< Back
"L’elisoccorso in scuola di specializzazione: il modello Parma"

Michelangelo Craca

3397768749

RAZIONALE

Gli interventi sanitari in ambito extra-ospedaliero presentano numerose criticità sia sul piano clinico sia su quello gestionale, pertanto prevenire gli errori ed evitare eventi avversi sono azioni di primaria importanza. Un’elevata qualità della pratica clinica richiede adeguate conoscenze ed abilità tecniche, ma comprende anche competenze non tecniche.

Myers et al. (1) hanno applicato e adattato le non technical skills del medico anestesista al contesto dell’elisoccorso creando le AEROnots ed hanno sviluppato uno studio per la valutazione di quest’ultime in scenari di simulazione clinica.

Rasmussen et al. (2) hanno sottolineato l’importanza del miglioramento delle non technical skills per il medico di elisoccorso attraverso costanti simulazioni e valutazioni.

Nella recente review di Masterson et al. (3) vengono identificate le competenze cliniche individuali che i membri sanitari degli equipaggi HEMS dovrebbero possedere.

Secondo Pietsch et al. (4) quando ci si trova in scenari impervi e non convenzionali, dove le risorse sono limitate, vi è la necessità di medici che abbiano un’importante esperienza clinica sulle procedure e che siano addestrati al contesto specifico.

In letteratura non sono tuttavia descritti percorsi definiti per il MFS (Medico in Formazione Specialistica) riguardanti la formazione specifica all’elisoccorso, necessari ad acquisire le suddette capacità tecniche e non tecniche.

MATERIALI E METODI

Il gruppo di lavoro ha concepito all’interno del percorso formativo dei MFS della scuola di specializzazione in ARTID (Anestesia Rianimazione Terapia Intensiva e del Dolore) dell’Università di Parma una formazione in grado di fornire le competenze necessarie per diventare un professionista che opera in maniera efficace ed integrata nel sistema di emergenza territoriale, ed in particolare in elisoccorso. Viene definito “formazione continua” il completamento delle rotazioni formative intra-ospedaliere in sala operatoria e terapia intensiva, le lezioni frontali, la partecipazione a congressi e progetti di ricerca inerenti all’ambito extra-ospedaliero. La “formazione specifica” è volta ad accrescere le competenze peculiari dello specializzando ARTID in ambito extra-ospedaliero attraverso la frequenza formativa a partire dal 2° anno di corso in:

- Automedica 118 - postazioni di Parma e Fidenza (almeno 60 gg)

- Centrale Operativa 118 Emilia Ovest (almeno 30 gg)

- Elisoccorso Parma (almeno 30 gg)

- Lezioni frontali specifiche

Nel corso di questo periodo il MFS opera costantemente in affiancamento ai sanitari in servizio presso la struttura sede della rotazione, che provvederanno a supervisionare e supportare tutte le procedure espletate dal MFS. Il percorso formativo completo comprende quindi l’insegnamento e l’acquisizione di technical e non technical skills proprie dello specialista anestesista-rianimatore, intese come parte di un continuum dall’ospedale al territorio. Durante la frequenza in elisoccorso è prevista una raccolta dati specifica, in forma di survey, sulle tipologie di intervento a cui il MFS ha partecipato, le manovre tecniche eseguite e sulle competenze acquisite.

OBIETTIVI

- Definire gli standard formativi del MFS in ARTID per l’ambito del soccorso sanitario extra-ospedaliero ed in particolare dell’elisoccorso

- Eseguire una raccolta di dati scientifici per futuri studi in collaborazione con il servizio di elisoccorso

- Contribuire alla definizione del percorso formativo e di mantenimento delle competenze tecniche e non tecniche per il medico di elisoccorso

BIBLIOGRAFIA

1. Myers et al. Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine (2016) 24:24

2. Rasmussen et al. Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine (2019) 27:1

3. Masterson et al. Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine (2020) 28:28

4. Pietsch et al. Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine (2019) 27:17

"L’elisoccorso in scuola di specializzazione: il modello Parma"

Poster

(M.Craca 1), M.Villani 2,3, L.Fortunati Rossi 1, F.Marconi 1, M.Procopio 4, N.Fulgoni 2,3, E.Cerdelli 2,4 , E.G.Bignami 1,4

 

1 (Medico) Scuola di specializzazione in Anestesia Rianimazione Terapia intensiva e del dolore, Università di Parma

2 (Medico) Servizio di Elisoccorso 118 Emilia Ovest

3 (Medico) Anestesia e Rianimazione AUSL Piacenza

4 (Medico) UOC 2° Anestesia e Rianimazione, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

 

HEMS

bottom of page